Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Affari locali’ Category

a cura di Cristiana Facchini


  TERREMOTATO A CHI?

Dalle ore 4.04 del 20 maggio 2012 la nostra vita di emiliani deve fare i conti con qualcosa di inedito per la nostra zona. Un Sisma con la S maiuscola, che ci ha sbrandato senza nemmeno un buongiorno, caffè e cappuccio.
E da quel 20 maggio, ma soprattutto con la seconda scossa del 29, abbiamo capito che la nostra vita è fragile,  appesa alle crepe dei nostri edifici.
Vedere le immagini sul web delle chiese crollate, della famosa torre dell’orologio strappata a metà, del municipio di Sant’Agostino con i buchi fa ammutolire persino i più ciarlieri come la sottoscritta. Uno stupore ed uno sgomento pari forse solo alla grande paura, sentimento ancestrale verso le forze imprevedibili e potenti della natura (io mi sono chiesta se fosse mai stato possibile riuscire ad immagazzinare tutta l’energia cinetica sprigionata da una terra che trema fino a farti oscillare le diverse tonnellate di case e palazzi…).
Siamo rimasti a bocca aperta come ‘ocarotti’, ma dopo il primo momento di paura folle, di corse in giardino e di conta delle scosse di ‘assestamento’, abbiamo adottato il rimedio più antico della Bassa: “rimboccarsi le maniche”.
Noi emiliani con le mani in mano non riusciamo a stare e piuttosto che far vagare i pensieri nei meandri dell’angoscia, ci tiriamo sù (‘as livan so’, come è scritto sulla bellissima maglietta a ricordo del triangolare femminile di calcio) e ci domandiamo da dove si può cominciare. Al di là degli autoincensamenti (ehhhh…nualtar, come dicono a Ferrara) c’è che ci hanno fatti così, ce l’abbiamo scritto nel dna. Prims SS Messa all'aperto
Aiutati che Dio t’aiuta, ha detto anche Mons Vecchi domenica scorsa. Quante volte me l’ha detto mia nonna, saggezza popolare. E così ci si è ritrovati a cercare sul web, o con i vicini di casa, o al centro civico con le associazioni di volontariato.
A fianco dunque dell’opera di assistenza nell’emergenza da parte degli impareggiabili pompieri, protezione civile, volontari di ambulanze etc, si è mossa tutta la gente comune, noi cittadini, anche quelli piccoli che ancora non hanno diritto di voto.
Partendo da una banale ospitalità ad amici e parenti che hanno la casa lesionata, prestare tende e sacchi a pelo, raccolte di generi alimentari e prodotti per i bambini (la velocissima nostra Nonna Papera ha spedito non so quanti scatoloni nella zone di Finale e confinanti!!!).
La scuola materna parrocchiale per esempio ospita dei bimbi della scuola di Crevalcore. E i nostri bimbi li hanno accolti come un vero regalo estivo!!!! Coetanei nuovi con cui giocare, evvai!!!
Ma è un vero moltiplicarsi di iniziative ed è stupefacente quanto è grande il cuore della gente! E’ impossibile elencare tutto quello che è partito e subito! L’sms solidale (45500), il concertone del 25 giugno allo stadio, il devolvere l’incasso di diversi spettacoli di star nazionali (è stato Biagio Antonacci a lanciare questa fantastica iniziativa!!!), Ligabue devolverà l’incasso del suo concertino il 22 settembre a Campo Volo, la raccolta di Radio Bruno con la maglietta ‘Teniamo botta’, il triangolare a Decima per la scuola di Alberone con relativa maglietta (meravigliosa davvero!!!!), l’iniziativa via web http://www.rinascitaemilia.org con le loro magliette, cappelli e borse tutte personalizzabili con i nomi dei comuni terremotati. Questa delle magliette è a mio vedere un’iniziativa grandiosa, sia per la raccolta dei soldi, sia per l’aspetto di ‘orgoglio emiliano’.
E i negozi? Ho osservato i negozi danneggiati dal sisma, e qua a Decima ce ne sono diversi.
Beh, ragazzi miei, ci vuole proprio della gran ‘ghigna’, perché alcuni sono aperti puntellando i soffitti, spostando solo le sedie ma a fianco di muri con dei creponi larghi due dita, negozi che si sono trasferiti in frettissima due passi più in là, pur di riaprire.
E leggete pure sul web cosa fanno nelle zone ‘rosse’ come Mirandola. Fantasia al potere, casse dei super sotto ai gazebo, uffici postali nei container. Che forza gente!!!!! E un doveroso accenno a tutte le ditte nei capannoni, che seppur spaventati dai fatti, si sta facendo letteralmente in 4 per non perdere le commesse, i clienti, i soldi e quindi tiene alta l’economia di tutta la zona. Onore a tutti, perché siete grandi davvero!
E adesso, che sembra tutto un po’ strano, con la Messa celebrata in giardino, con i paesi limitrofi tutti transennati, con i tendoni della protezione  nel vecchio campo da calcio, con la novità di non dover pagare i ticket sanitari, sì, forse siamo un po’ terremotati, ma si ricomincia, e questo periodo fra qualche anno diventerà racconto, poi il racconto diventerà ‘leggenda’, e rimarranno le nostre magliette a ricordarci che anche noi, nel 2012, eravamo terremotati, pensa te …

“In un articolo di qualche tempo fa, avevo letto che l’Emilia è quel pezzo di terra voluto da Dio per permettere agli uomini di costruire la Ferrari. Gli emiliani sono proprio così. Devono fare una macchina? Loro ti tirano fuori una Ferrari. Devono fare una moto? Loro costruiscono una Ducati. Devono fare un formaggio? Loro si inventano il Parmigiano Reggiano. Devono fare due spaghetti? Loro mettono in piedi la Barilla. Devono farti un caffè? Loro ti fanno la Saeco. Devono trovare qualcuno che scriva canzonette? Loro ti fanno nascere gente come Lucio Dalla, Gianni Morandi, Vasco Rossi, Ligabue e Samuele Bersani. Devono farti una siringa o una provetta? Loro ti tirano su un’azienda biomedicale. Devono farti quattro piastrelle? Loro se ne escono con delle maioliche. Sono come i giapponesi gli emiliani, non si fermano, non si stancano, e se devono fare una cosa a loro piace farla bene e bella e utile e tutti insieme.” (da FB: Davide, Como)

Annunci

Read Full Post »

a cura di Sara Accorsi


MEMENTO
DE

COOPERATIVIBUS !

Dalla Treccani Cooperativa:
s. f. [dall’agg. cooperativo, sottint. unione o società]
Società caratterizzata dallo scopo mutualistico, la cui organizzazione sociale è fondata sul contributo in capitale e in lavoro di tutti i soci.

Ragionare sulle cooperative risulta oggi quanto mai prioritario se si osserva quanto accade in gran parte delle amministrazioni pubbliche.
Dagli asili, alle biblioteche, alle attività del doposcuola, all’assistenza ad anziani o a disabili, sono tanti i servizi appaltati alle cooperative.
Una manna dal cielo in questi tempi di crisi, spread alto e soprattutto in questa famosa tenaglia del patto di stabilità: l’appalto a una cooperativa di un servizio, fino ad un tempo gestito dal Comune, permette al Comune di garantire quel servizio al di là di vincoli economici o problemi di personale.
Però. C’è un importante però da non sottovalutare: come operano queste cooperative?
L’iter con cui una cooperativa entra a servizio di un Comune potrebbe essere semplicisticamente risolto in questo modo: l’amministrazione stipula un bando di gara, alla cui scadenza vengono valutate tutte le proposte giunte e viene scelto il miglior offerente in base a determinati specifici requisiti dettati dall’amministrazione e ai costi richiesti dalla cooperativa per le prestazioni.
Da cittadini si potrebbe auspicare che la propria amministrazione scelga in base alla logica dei costi di servizio. Da cittadini accorti, invece, occorre auspicarsi che la regola di scelta non sia solo il far economia: questo non per fare romantica filosofia di vita, ma perchè scegliere in base a un più ampio raggio di parametri va a favore e della qualità del servizio e, nello stesso tempo, non va a danno dei lavoratori.
In varie associazioni di lavoratori di cooperative si alza in questi tempi la richiesta di salari calcolati su basi eque, con piattaforme contrattuali adeguate e con l’appello che anche in sede di stesura dei bandi di gara le amministrazioni sottolineino tra i requisiti la condizione contrattuale dei lavoratori stessi.
Se si sceglie a caso dal sito del comune il capitolato di qualche bando non di rado si legge la specifica sul rapporto di lavoro:
“Il personale socio e/o dipendente, operante nella biblioteca/sezione, dovrà essere regolarmente iscritto al libro unico del lavoro (di cui al comma 1, art. 39 legge n. 133 del 6/08/2008) e dovranno essere garantiti i versamenti contributivi come previsto dalla vigente normativa.
L’affidatario è tenuto ad applicare integralmente ai lavoratori dipendenti e/o soci tutte le norme dei contratti collettivi di lavoro che disciplinano le prestazioni oggetto del servizio in argomento nel comparto in cui opera il soggetto gestore stesso.
L’obbligazione va assunta anche in riferimento agli eventuali accordi locali integrativi dei contratti collettivi stipulati in sede provinciale.
Le obbligazioni così assunte vincolano il soggetto gestore anche se non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse e indipendentemente dalla sua natura, struttura e dimensione e da ogni altra sua qualificazione giuridica.
Il personale utilizzato dovrà avere idoneità sanitaria allo svolgimento della mansione, secondo quanto previsto dal D.Lgs 81/08 art. 41: presso gli uffici comunali dovrà essere conservata la documentazione attestante le certificazioni sanitarie previste dalla normativa vigente, comprensiva dei giudizi di idoneità.
Il rapporto di lavoro del personale socio e/o dipendente deve comunque garantire il rispetto delle norme previste dallo Statuto dei lavoratori.
L’affidatario ha l’obbligo di applicare le normative vigenti in materia di sicurezza dei lavoratori.”
Se è vero che non tutti i partiti sono uguali, se è vero che esiste ancora un buon esercizio della politica, se è vero che il nostro è un Comune virtuoso, la specifica sopracitata va certo in questo senso.
Auspiachiamoci allora che l’attenzione a questa condizione sia alta in fase di scelta dell’affidamento della gara, ma auspichiamoci anche che, durante l’esercizio del contratto della cooperativa, ci siano monitoraggi non solo sulla qualità del servizio offerto ma anche sulle condizioni dei lavoratori.
NB: l’articolo non nasce da incongruità dichiarate o note nel nostro comune, ma vuole essere un semplice memorandum perchè non accada come si legge troppo spesso in tante altre realtà.

Read Full Post »


EASY LANGUAGE e

“mondo matto” a scuola
uno  spettacolo BELLISSIMO!
a cura di Morena Tassinari

I genitori delle classi 1A / 1B / 1C della scuola Mezzacasa di San Matteo della Decima sono stati invitati ad assistere ad uno spettacolo che si è tenuto nell’aula Magna della suddetta scuola il 28 aprile 2012. Lo spettacolo si è articolato in varie esibizioni da parte dei ragazzi/e e il tutto nelle lingue inglese e tedesco. Sono state eseguite varie canzoni nelle due lingue, grazie all’impegno dimostrato dalle insegnanti e dai ragazzi/e ed è stata rappresentata una danza popolare inglese, una esibizione a mio parere MERAVIGLIOSA!!!!    Vedere tanti ragazzini/e ballare e cantare insieme è stato entusiasmante e cosa ancor più importante è stato notare l’impegno con cui eseguivano le varie performance. Le esibizioni dello spettacolo si collegano ai progetti di inglese e tedesco EASY LANGUAGE e MONDO MATTO e si sono tenute nell’ambito della GIORNATA delle LINGUE  / DAY OF LANGUAGES – TAG DER SPRACHEN. Penso siano progetti bellissimi che possono offrire ai nostri ragazzi/e l’opportunità di approfondire la conoscenza di varie civiltà che ora sentiamo sempre più vicine e che è importante conoscere bene. Grazie a tutti gli insegnanti che credono in questi progetti e con molto impegno riescono a realizzarli  con successo!!!!!  Bravi  tutti coloro che hanno partecipato!!!
NdR: Le Insegnanti della Scuola Media di Decima hanno predisposto un CD contenente le attività svolte quest’anno dai ragazzi. Come prenotare nel periodo estivo il CD? Contattando la Prof. Imelde Scagliarini ed anticipando i €5 di contributo alla scuola. Come sapete, quest’anno non si è tenuta la consueta Festa di fine anno della scuola media, occasione di incontro e condivisione da parte dei ragazzi e genitori ma anche fonte di autofinanziamento. Il denaro raccolto con la “vendita” del CD è necessario per il finanziamento delle numerose attività scolastiche.

Read Full Post »

MEETING DI ATLETICA LEGGERA:

SCUOLA MEZZACASA

VINCE A SANT’AGATA 

“Motivazione è cercare e riuscire ad abbattere le barriere mentali, indagare ed abbattere i propri limiti, lavorare per raggiungere la capacità di esprimersi al meglio.
Josefa Idem”

Non ci sono dubbi, anche nella nostra Scuola Media “Mezzacasa” di Decima si nascondono degli atleti.
Dobbiamo tutti essere grati alla Prof.ssa Imelde Scagliarini per essersi impegnata in prima persona in una serie di Laboratori di alcune discipline sportive, fra le quali anche l’Atletica. Il Laboratorio di Atletica Leggera è stato impegnativo, ma ha dato i suoi frutti.
Le gare di Istituto, svoltesi  il 12 maggio nelle varie discipline, hanno selezionato i ragazzi per il Meeting di Atletica del 26 maggio a Sant’Agata.  Due belle giornate di sport in cui la collaborazione fra insegnanti e genitori è stata fondamentale per la buona riuscita degli eventi. Un ringraziamento va anche a Ciro, storico allenatore dell’Atletica New Star di Decima, Cento e Pieve di Cento, che ha affiancato Imelde in questo percorso.
Due le scuole presenti: la nostra di Decima e la Scuola Suor Teresa Veronesi di Sant’Agata. Daniela Occhiali, Sindaco di Sant’Agata, ha voluto premiare le scuole personalmente.
Non mi aspettavo di vedere tanti genitori al seguito dei propri figli e non mi aspettavo certamente che la nostra scuola portasse a casa la coppa. Invece è successo. I nostri ragazzi sono stati bravissimi ed è stato divertente e nello stesso tempo emozionante vedere Ciro correre da una parte all’altra della pista col cronometro in mano incredulo del risultato delle nostre staffette: “sarebbe record regionale! record regionale!” … non proprio “Campioni del mondo” ma quasi. Sono incredibili i risultati che i nostri ragazzi hanno ottenuto senza avere una preparazione specifica nella disciplina. E’ inevitabile pensare ai risultati che potrebbero ottenere se, a Decima, anche l’Atletica potesse essere insegnata e praticata tutto l’anno
… e chi dice che sono di parte … ha ragione!

Angela Cocchi

Read Full Post »

A PROPOSITO DI SCUOLA …
Al via i Campi Estivi a Decima
con chiarezza e trasparenza

a cura della Redazione

Attraverso una Delibera di Giunta, in aprile è stato formalizzato l’Accordo di programma tra il Comune e le Istituzioni Scolastiche, tra le quali anche l’Istituto Comprensivo di San Matteo della Decima, avente come scopo una migliore efficienza ed efficacia del sistema scolastico, un miglior utilizzo delle risorse e delle strutture, una migliore partecipazione dei genitori alla vita scolastica.
Questo accordo prevede una collaborazione fra Comune e Scuola nella realizzazione di progetti per la qualificazione scolastica prevedendo di anno in anno la messa a disposizione da parte dell’Ente Locale della disponibilità di risorse umane e mezzi (es. trasporto per uscite didattiche, vigili per l’educazione stradale, …) e appositi finanziamenti sulla base delle risorse disponibili.
L’accordo solleva, inoltre, il nostro Istituto Comprensivo da ogni responsabilità diretta  nell’utilizzo da parte di terzi dei locali scolastici.
In particolare l’ART.8 Gestione ed utilizzo delle strutture scolastiche, prevede che:
L’Amministrazione Comunale, previa comunicazione agli istituti scolastici, può utilizzare e fare utilizzare a terzi i locali scolastici necessari all’espletamento dei seguenti servizi: prescuola, postscuola, centri gioco, centri estivi, itinerari educativi estivi, sportelli di ascolto, scuola di banda. Il ripristino dei locali è a carico dell’Amministrazione Comunale che, a sua volta, stipulerà un accordo specifico col “fruitore” dei locali scolastici.
Attraverso un’ulteriore Delibera di Giunta, in maggio si è proceduto al Patrocinio dei Campi Estivi di Decima e Persiceto promossi da associazioni sportive dilettantistiche.

3MA CAMP 2012Nello specifico a Decima, all’ASD “3MA Tennis” è stato concesso l’uso gratuito della Palestra Mezzacasa in caso di maltempo e di alcune attrezzature necessarie allo svolgimento delle attività nel periodo dal 11 giugno al 22 giugno e dal 2 al 27 luglio.

All’ASD “Decima Sport Camp” è stato concesso l’uso gratuito degli impianti sportivi/palestre “Francesco Mezzacasa” e “Dorando Pietri”, di alcune attrezzature necessarie allo svolgimento delle attività, le sale mensa, la sala cucina, i bagni al piano terra ed alcune aule nel periodo dal 11 giugno al 27 luglio.

Ben TRE sono, quindi, a Decima i Campi Estivi in programma quest’anno. A quelli a carattere “sportivo”, occorre aggiungere anche le iniziative della Parrocchia di Decima: Estate Ragazzi e Divertilandia, con la partecipazione straordinaria e graditissima di un gruppetto di bambini di Crevalcore!

Read Full Post »


a cura di Daniela

Siamo partiti da Montegrotto Terme in 12 persone, 11 vespe ed io, unica donna. Ci siamo aggregati al Vespa Club di Montegrotto Terme, splendidi compagni di vaggio.
Meta: Londra – Vespa Trophy 2012. Evvai!
Andata: Montegrotto-Londra – 11 giugno 2012
Ritorno: Londra-Montegrotto – 20 giugno 2012
Km percorsi: 3190, tutti in Vespa
Abbiamo attraversato Svizzera e Francia e traghettato a Calais in Francia. Una volta sbarcati a Dover, abbiamo proseguito per Londra. Tutto sotto la pioggia.
La vittoria è andata a chi ha raggiunto il punteggio più elevato: l’edizione 2012 è stata vinta da un club italiano, quello di Sirmione. Secondo il Vespa Club Pordenone, terzo il Vespa Club Ticino.
Al ritorno, fortunatamente, ci ha accompagnato il bel tempo. E’ stata una esperienza unica, bellissima ed entusiasmante. Prossimo appuntamento nel 2013, in Belgio.

Read Full Post »


TORNA MUSICA for life

a cura di Diego Ottani

Questa estate si svolgerà la 2° edizione di Musica for Life, evento organizzato da un collettivo di ragazzi decimini. Il 14, 15 e 16 settembre saranno tre giorni di musica e divertimento, nei quali si alterneranno band e dj. Rock, Hip Hop e House Music saranno le tematiche che caratterizzeranno le tre giornate di musica, anche se non mancheranno stand gastronomici, espositivi e diverse attività ricreative.
Tante le sorprese, da una nuova location ad artisti provenienti da diverse regioni della nostra penisola. Da un po’ di tempo ci stiamo dando da fare per creare anche quest’ anno un evento fresco e innovativo, che possa rappresentare una bella opportunità di divertimento per tutti gli abitanti della nostra zona.
Diego Ottani

Read Full Post »

Older Posts »